Internet veloce per la Valle Aurina e copertura con banda larga e telefonia mobile delle aree sciistiche di Monte Spicco e Monte Nudo

Le lunghe trattative con la ditta Linkem sono finalmente giunte a un buon fine con un positivo risultato: la rete banda larga della ditta Linkem sarà alimentata tramite un collegamento in ponte radio dell’impresa Brennercom dalla nuova postazione Plan de Corones con 80 Mbit/s! Ai circa 600 clienti, che sono coperti attualmente a Campo Tures dalla rete di Telecom Italia con una banda molto inferiore, si garantisce così in futuro una navigazione veloce. Oggi sono stati eseguiti i lavori necessari presso gli impianti in Valle Aurina. Inoltre la RAS Radiotelevisione Azienda Speciale ha assegnato, nell’ambito del programma FESR finanziato dall’Unione Europea, i lavori per la copertura con la banda larga e la telefonia mobile delle aree sciistiche di Monte Spicco e Monte Nudo. Entro quest’anno gli operatori di telefonia mobile TIM, Vodafone Wind e H3G metteranno in servizio la nuova tecnologia di trasmissione dati HSDPA. Questa si basa sul più recente standard UMTS ed è destinata a velocizzare gradualmente le connessioni dati in mobilità. Con l’UMTS vengono messi a disposizione ulteriori 60 Mbit/s per la Valle Aurina; per ogni cliente fino a 3,6 Mbit/s. Il sindaco del Comune di Valle Aurina è soddisfatto di questi nuovi sviluppi e del miglioramento della situazione attuale. Negli ultimi anni Valle Aurina, che faceva parte dei primi e favoriti comuni del progetto di copertura con banda larga, è stata svantaggiata dal servizio limitato offerto dalla ditta Linkem. Il presidente della RAS Rudi Gamper e il direttore Plattner manifestano la loro soddisfazione per la conclusione della situazione precaria nel comune di Valle Aurina con la fornitura aggiuntiva di 140 Mbps. La posa di tubi aggiuntivi per la fibra ottica – il lavori inizieranno nei prossimi giorni e verranno completati entro il 2011- permetterà al comune di Valle Aurina di tornare tra i comune più avvantaggiati. Il direttore Plattner ringrazia la popolazione per la pazienza e si dispiace per il lungo protrarsi della situazione di precarietà. Purtroppo le numerose trattative svolte negli ultimi anni hanno portato solo ora ad un miglioramento della situazione.

Ultimo aggiornamento il 07 12 2015